Workshop Stampanti 3D al Catanzaro Design Week

Ritratto di staff

Anche l'HackLab Catanzaro ha partecipato al Catanzaro Design Week che si è tenuto al Complesso Monumentale del San Giovanni dal 21 al 25 settembre 2016.

I nostri soci, Luigi Smiraglio, Antonio Miniello, e, Giovanni Costantino, sono stati autori di un bellissimo Workshop sulle stampanti 3D nei giorni 23 e 24.

In particolare, Giovanni, si è reso autore di un'efficace introduzione su Linux ed i software open source giorno 23, Luigi ha tenuto un vero e proprio seminario sulle stampanti 3D nei giorni 23 e 24, ed Antonio, giorno 24, ha parlato dei possibili impieghi che questi macchinari hanno già oggi nel presente.

La sala “George Gissing” del San Giovanni, dove si è svolto il Workshop, era gremita: praticamente tutti i posti a sedere erano occupati e si notava con nostro grande orgoglio la presenza, fino alla fine del seminario, di persone, che pur di seguire i nostri soci, sono state in piedi.

Antonio e Giovanni                                                   La sala
Antonio e Giovanni Sala

Giovanni, nella sua introduzione, giorno 23, ha spiegato ai presenti l'importanza del software open source come grande contributo nella crescita del mondo informatico.  Ha fatto una brevissima cronistoria sulla nascita del mondo open source.  Ha dimostrato la superiorità di Linux sugli altri sistemi operativi proprietari, e, soprattutto, la validità dell'open source in senso assoluto, citando tutte le aziende o gli enti pubblici che oggi usano Linux per i loro server. Ha evidenziato la grande conquista, dal punto di vista etico e sociale, del mondo open source. Alla fine del suo intervento molto preciso, Giovanni ha invitato tutti i presenti all'utilizzo di Linux sui propri PC ed a fare un salto alla nostra sede per entrare a far parte, anche loro, dello stimolante ed etico mondo del software libero.

 

Dopo di che è toccato a Luigi.

Prima ha fatto una breve introduzione sulla nascita delle stampanti 3D, ripercorrendo tutte le tappe storiche.

Ne ha poi spiegato il loro funzionamento ad un'attenta platea, mentre una webcam riprendeva dall'alto la stampa, con la nostra stampante dell'HackLab, di alcuni portachiavi, trasmettendo l'immagine su un grande schermo.

Ha spiegato le varie metodologie di stampa, indicando pro e contro per ognuna, e, sempre indicando i pro ed i contro per ognuno, ha illustrato i vari tipi di materiali utilizzabili nelle stampe 3D.

Ha fatto capire, ad una folla molto attenta e desiderosa di conoscere, i vari processi che, concatenandosi tra di loro, danno luogo all'oggetto 3D stampato: ha quindi parlato di software di modellazione 3D, come Blender ed Autocad, di formati STL ed OBJ, di slicing e del notissimo software “Slic3R”, ed infine del G Code.  Ha illustrato il significato di Voxel.

Luigi Smiraglio
Luigi Smiraglio

 

La giornata si è conclusa con la soddisfazione dei presenti, i quali, talmente entusiasti, ci hanno tempestato di domande al termine del seminario ripromettendosi di ritornare il giorno dopo.

Il 24, infatti, si registra un'altra ottima affluenza di persone. Dopo una brevissima introduzione, ancora una volta di Giovanni, che ha spiegato il vantaggio in termini di sicurezza dei sistemi operativi open source come Linux su quelli proprietari, è toccato ad Antonio illustrare le applicazioni al mondo d'oggi della stampante 3D.

 

Trattandosi di una manifestazione avente come tema principale il design, Antonio ha cominciato a parlare agli architetti presenti in sala della realizzazione di plastici per progettazione, ed ha dimostrato l'efficacia della stampante 3D sui metodi tradizionali.

Ha poi fatto vedere ad una folla attonita le immagini di case costruite con stampanti 3D in sole 24 ore.

Ha fatto un brevissimo accenno alle applicazioni mediche della stampa 3D.

E, ritornando al design, ne ha illustrato le applicazioni futuristiche, ma assolutamente presenti al giorno d'oggi, nel campo della moda.

I presenti, entusiasti, hanno riempito di domande il nostro Antonio.

Antonio spiega al pubblico                  Giovanni e Luigi                                  
Gigi e Gio

 

Infine è toccato di nuovo a Luigi rifinire con cura la già esauriente dissertazione del giorno precedente, sia precisando ed aggiungendo qualcosa a quanto detto il 23, sia mostrando all'atto pratico una sessione di Slic3R a tutti i presenti.

 

In conclusione, il nostro Workshop ha avuto un ottimo successo.

Gli astanti erano entusiasti e partecipativi. Non solo infatti gli argomenti trattati erano di particolare interesse viste le applicazioni presenti e future della stampa 3D nel mondo d'oggi, ma anche Luigi, Antonio e Giovanni hanno saputo coinvolgere abilmente il pubblico ed hanno dimostrato ottime doti da relatore.

I nostri soci sono stati in grado di infondere curiosità e voglia di conoscere a tutti i presenti e tutto ciò darà sicuramente nuovo impulso alla nostra associazione.

 

Intanto noi dell'HackLab vi aspettiamo tutti quanti al prossimo appuntamento: il Linux Day del 22 ottobre!

 

 

 

 

Portale: