Pino Masciari Day

Ritratto di Massimiliano

Domenica 28 ottobre a Catanzaro, presso il Villaggio Guglielmo di Copanello di Stalettì (CZ), "gli Amici di Pino Masciari" hanno deciso di dedicare una giornata a Pino Masciari e alla sua famiglia in occasione dell'anniversario dei 10 anni di esilio ed allontanamento dalla sua terra a seguito della volontà di denunciare il sistema mafioso che lo rendeva vittima.

Pino Masciari, limpido imprenditore calabrese ha avuto la forza e la moralità di denunciare il racket della criminalità organizzata affidandosi alle leggi dello Stato e diventando cardine centrale di principali processi contro la 'ndrangheta e le istituzioni corrotte.
Il 17 ottobre 1997 Pino Masciari, sua moglie e i due figli entrano nel programma di protezione e in questi dieci anni sono stati privati innanzitutto della dignità e dei diritti elementari dovuti ad ogni cittadino.

Chiunque in questi anni ha conosciuto Pino Masciari e la sua storia non è più riuscito a esserne indifferente. Questa iniziativa è il risultato dell'elaborazione dell'indignazione che ne è scaturita.
Singoli cittadini ed esponenti di diverse realtà acolpo.ssociative si uniscono sotto un'unica definizione: "gli Amici di Pino Masciari", così lo affiancheranno durante la giornata del 28/10 per porre pubblicamente riflessioni, proposte e richieste.

E' intenzione della giornata dunque, unire tutte le forze vicine a Pino Masciari, tessendo una nuova Rete tra i cittadini, gli imprenditori e le personalità istituzionali, in particolare tra chi nelle Istituzioni ha operato e continua ad operare per evitare che vengano danneggiati quanti compiono la scelta di stare al servizio della legalità e dello Stato Democratico.

C'è innanzitutto un uomo e la sua famiglia e bisogna divulgare la loro storia per creare COSCIENZA, affinché un decennio di sacrificio diventi RISORSA e ne sia reso il giusto merito.
C'è un messaggio pregno di senso civico, un esempio da seguire come cittadini e come lavoratori, di lotta alla criminalità organizzata, che sarà dibattuto con altri imprenditori che vogliono ribellarsi al ricatto e all'infamia.

C'è una società civile che non vuole e non accetta vicende come quella di Pino Masciari e che vuole pertanto dialogo, approfondimento e concertazione con le Istituzioni invitate.
Sarà l'occasione per poter lavorare insieme proficuamente con rinnovate energie.

PROGRAMMA (potrà subire lievi cambiamenti)

h 15:00 Presentazione: "Dieci anni sotto protezione: l'imprenditore Pino Masciari"
h 15:30 Conferenza: "L'esempio di Pino Masciari come riscossa della società civile e dell'imprenditoria responsabile"
h 17:00 Spettacolo teatrale: "Legàmi" del regista Francesco Pileggi, realizzato dagli studenti del laboratorio teatrale del comune di Lamezia Terme.
h 18:00 Dibattito: "La società civile dialoga con le Istituzioni"
h 19:30 Buffet

Invitati all'incontro:
Don Luigi Ciotti - Presidente di Libera
On. Marco Minniti - Viceministro all'Interno
On. Ettore Rosato - Sottosegretario all'Interno
On. Francesco Forgione - Presidente Commissione Antimafia
On. Giuseppe Lumia - Vicepresidente Commissione Antimafia
On. Angela Napoli - Presidente Comitato Testi Commissione Antimafia
On. Maria Grazia Laganà - Componente Commissione Antimafia
On. Mario Tassone - Vicepresidente Commissione Antimafia
Dott. Giancarlo Caselli - Procuratore Generale Piemonte e Val D'Aosta
On. Antonio Di Pietro - Ministro Infrastrutture
Prefetto Raffaele Lauro - Commissario di Governo per le iniziative antiraket e usura
On. Brunello Censore - Consigliere regionale Calabria e componente Comm. Antimafia Regionale
Dott. Antonio De Masi - Capogruppo Ds Prov Vibo Valentia

Associazioni e gruppi che finora hanno aderito:
- Meetup "Amici di Beppe Grillo" della Calabria (Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio C.) e di Torino
- Hacklab Catanzaro
- Associazione Acmos
- Libera Piemonte
- Rita Atria
- Ammazzateci tutti
- Addio Pizzo
- Ezechiele 37
- Associazione Antiraket Lamezia
- May Day Calabria
- Il circolo delle libertà di Catanzaro (NEW)
- Calabrialibre (NEW)

Portale: 

Commenti

Ritratto di Massimiliano

Questa mattina si è verificato un fatto gravissimo.

Mi sono recato presso il Comune di Catanzaro per consegnare la richiesta finalizzata ad ottenere l'autorizzazione all'uso della sala concerti del Comune per la conferenza stampa sul Pino Masciari Day, giorno 25 ottobre, così come concordato con tutti voi.

La scelta è ovviamente simbolica, potremmo richiedere altre sale ma Catanzaro è la città natale di Pino Masciari e quindi il significato è chiaro.

L'ufficio competente per concedere il permesso è l'Ufficio di Gabinetto del Sindaco, il funzionario (nostro dipendente) è il sig. Alfonso Ortore. Ripeto: ALFONSO ORTORE.

Gli consegno la richiesta, la guarda e non appena legge "Amici di Beppe Grillo" senza controllare di cosa si trattasse mi risponde con tono arrogante "Beppe Grillo? Non concediamo la sala per manifestazioni politiche!" e maleducatamente senza neanche attendere la mia risposta mi riconsegna la lettera e si sposta in un'altra stanza.

Presente alla scena il consigliere comunale Eugenio Riccio che interviene cercando di far comprendere al funzionario che si sta sbagliando, ne nasce una breve discussione che fa desistere anche lui dal tentare di convincerlo che non si tratta di una manifestazione politica ma di ben più nobile iniziativa.

Il consigliere Riccio prende la mia richiesta e mi dice di stare tranquillo perchè "farà in modo di farci avere la sala".

Ora io non sono per niente tranquillo perchè, ringrazio il consigliere Riccio per la disponibilità e la sensibilità dimostrata nell'occasione, noi non vogliamo la sala "come un favore" noi la vogliamo perchè ci spetta "di diritto" e se questo diritto ci viene negato qualcuno ce lo deve motivare, in maniera ufficiale. La sala del comune è di tutti i cittadini che ne fanno richiesta, perchè il comune è la casa di tutti.

Il dipendente Alfonso Ortore ha commesso 3 errori:

- ha sottovalutato i suoi interlocutori;
- ha dimostrato di non avere la serenità necessaria per svolgere l'incarico che svolge;
- ha ragionato facendo leva sui suoi pregiudizi.

Questo è un fatto gravissimo!!!

A questo punto pretendiamo:

- pubbliche scuse da parte del dipendente Alfonso Ortore;
- una risposta ufficiale e motivata da parte del Comune di Catanzaro in merito alla nostra richiesta;
- in mancanza di scuse pubbliche da parte del dipendente Alfonso Ortore (pagato con i nostri soldi) ne chiediamo il licenziamento in tronco perchè non all'altezza del compito che svolge;
- di sapere se il Comune di Catanzaro è al fianco di Pino Masciari o no.

Vi invito infine ad inviare all'indirizzo gabinetto.sindaco@comunecatanzaro.it una mail di protesta (civile).

Di seguito un testo tipo:

"Questa mattina un mio incaricato ha fatto regolare richiesta, presso i vostri uffici, per ottenere l'autorizzazione all'uso della sala concerti del comune per permettere lo svolgimento della conferenza stampa di presentazione del "Pino Masciari Day", una manifestazione molto importante dedicata ad un imprenditore catanzarese che ha avuto la forza e la moralità di denunciare il racket della criminalità organizzata.
Il funzionario, nonchè nostro dipendente, sig. Alfonso Ortore ha liquidato con arroganza e maleducazione il nostro incaricato.
In conseguenza di quest'atteggiamento che riteniamo non confacente al ruolo istituzionale che il sig. Ortore ricopre chiediamo ufficialmente:

- le pubbliche scuse da parte del dipendente Alfonso Ortore;
- una risposta ufficiale e motivata da parte del Comune di Catanzaro in merito alla nostra richiesta;
- in mancanza di scuse pubbliche da parte del dipendente Alfonso Ortore (pagato con i nostri soldi) ne chiederemo formalmente il licenziamento perchè non all'altezza del compito che svolge;
- di sapere se il Comune di Catanzaro è al fianco di Pino Masciari o no.

Cordiali saluti
Firma"

La lotta alla mafia si fa iniziando a combattere questi atteggiamenti.

Di quanto accaduto sono stati informati Pino Masciari e Beppe Grillo.

Massimiliano